Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

martedì 3 aprile 2018

La Notte Europea della Geografia a Firenze 6 aprile 2018

La Notte Europea della Geografia a Firenze
venerdì 6 aprile 2018 
Dipartimento SAGAS Unifi, Palazzo Fenzi, via San Gallo, 10 
 
alle 19,00 
inaugurazione della mostra
IN VIAGGIO CON IL DUCA DEGLI ABRUZZI.
DAL POLO NORD ALL'EQUATORE
a cura di Nadia Angela Fusco e Margherita Azzari
 
alle 20,30
La Compagnia delle Seggiole
presenta
CONVERSAZIONE (IN)CREDIBILE
CON IL DUCA DEGLI ABRUZZI
di Marcello Lazzerini
con Fabio Baronti e Sabrina Tinalli
 
INGRESSO LIBERO
 
Non è stata solo la Grande Guerra a segnare il Primo Novecento, quegli sono stati anche gli anni delle grandi scoperte in vari campi: medicina, scienza, conoscenza del mondo, avventure in cielo e in mare, esplorazioni e conquiste delle mete più ardite. Luigi Amedeo di Savoia Duca degli Abruzzi, è stata una delle figure più fulgide e affascinanti di quel tempo, cui il Pascoli dedicò un inno dopo che la spedizione organizzata da questo intrepido personaggio per conquistare il Polo Nord vi si avvicinò toccando una latitudine fino ad allora mai raggiunta.  "Giovane duca, tu pensi/ pensa alle tue visioni! Pensa ai tuoi pelaghi immensi/ dove alzasti i padiglioni". Ebbene, questo straordinario navigatore, esploratore e alpinista che alla vita di corte aveva preferito le avventure nel mondo, si paleserà in carne e ossa per sottoporsi ad una delle interviste (in)credibili prerogativa della Compagnia delle Seggiole, e raccontare, attraverso la penna di Marcello Lazzerini, delle sue imprese nei mari e  sulle vette più alte dell’Alaska, dell’Himalaya e del continente africano,  oltre che della decisione di concludere la propria esistenza in Africa, fra la gente del villaggio da lui realizzato. L’incontro con il Duca degli Abruzzi rientra nel quadro delle celebrazioni in occasione della Notte Europea della Geografia del 2018.

Nessun commento: