Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

venerdì 5 dicembre 2014

Ultimi libri letti ... ancora Uovonero con ottime proposte fuori dalle solite "rotte"



LIBRI “DA GRANDI”

“Crescere figlie femmine” di Steve Biddulph – editore Tea

Qualche anno fa ho letto, dello stesso autore, “Crescere figli maschi”, un agile libro, molto utile … sarà solo un caso che “crescere figlie femmine” sia alto almeno il doppio dell’altro? J Crescere figli maschi è più facile? Chissà! L’autore comunque, con praticità e con linguaggio semplice, guida i genitori a questi due universi ... Leggeteli se volete capire qualcosa in più delle dinamiche e delle inclinazioni dei vostri figli. Presentano spunti di riflessioni interessanti e facili strategie per impostare il rapporto in modo positivo. 

“Uscirne vivi” – Alice Munro una scrittura asciutta, senza fronzoli e senza sconti, che ti sbatte in faccia la realtà per quella che è. Un libro di racconti dal fondo amaro e disilluso, per lo più, con qualche sprazzo di cielo azzurro … i più belli, almeno per me, sono gli ultimi quattro, biografici. Preferisco storie meno cupe di solito, ma è un libro da leggere, per “spiare” la tecnica di scrittura della Munro (non per niente ha vinto il premio Nobel per la letteratura 2013).

“Naturalmente Jackson sapeva che i libri esistono perché qualcuno si siede a scriverli. Non è che saltino fuori dal nulla. La domanda infatti era un’altra: perché scriverli. Di libri in giro ce n’erano già, e un mucchio. A scuola aveva anche dovuto leggerne due … entrambi scritti con un linguaggio da sfinire chiunque, benché in modi diversi. Il che si poteva capire. Erano libri scritti nel passato. A sconcertarlo, anche se non voleva lasciarselo sfuggire, era come qualcuno potesse aver voglia di mettersi a scriverne un altro, nel presente. Oggi.”

 


LIBRI DA BAMBINI/RAGAZZI

Tutt’altro che tipico di Nora Raleigh Baskin - Uovonero

Questo è uno dei libri più toccanti che ho letto ultimamente. In realtà, oltre a essere un romanzo, è anche, volendo, un manuale di scrittura creativa, perché ci sono diversi spunti e osservazioni interessanti scritte dal protagonista, Jason, che ha l’hobby di scrivere racconti e di pubblicarli on line. Jason ha dodici anni e adora le parole e la sua famiglia (cuginetti e zii esclusi!). Essendo autistico e non avendo un buon rapporto con i compagni, scrivere diventa il suo rifugio e la sua chance di essere accettato dagli altri. Non è facile attraversare la vita dovendo cercare di interpretare tutti i segnali che i normotipici (così li chiama Jason) si scambiano. Non avrebbe senso raccontarne qui ulteriormente la trama, perché è un libro che va letto e vissuto, pagina pagina, con Jason, per cercare di vedere tutto con nuovi occhi e prospettive diverse. Penso che possa essere un libro adatto sia agli adulti sia ai ragazzi, che ci lascia sicuramente molto su cui riflettere e attimi di profonda commozione.

“Quando le parole vengono messe insieme, possono significare moltissimo, o possono non significare assolutamente nulla”

“Abbiamo tutti delle cose per cui non possiamo farci niente”

“Che c’è mamma?” – le chiedo

Quando alza lo sguardo, la sto ancora guardando.

“C’è il grande amore che provo per te, Jason” mi dice. “Quando soffri tu, soffro anch’io”.

A-M-O-R-E.

Sento il suo amore intorno a me. Come i colori e le lettere che prendono forma, alcuni che riesco a vedere e altri che si stanno ancora muovendo. Alcuni che conosco, altri no. Restano immobili quanto basta per dare un nome. Voglio dare un nome a quello che provo. L’amore è come il giallo. Caldo e sicuro.

“Pompelmo” dico.

Voglio dire qualcosa. Amo tantissimo mia madre.

Lei dice, “sì, penso sia succo di pompelmo”.

Faccio una faccia. Mi sfrego la faccia.

“Già. Troppo aspro anche per me”

“Il mistero del London Eye”  Siobhan Dowd -  Uovonero

Un altro bel libro edito da Uovonero! Vi terrà con il fiato sospeso e vi coinvolgerà a tal punto che non potrete che girare le pagine una dopo l’altra … Ambientato a Londra, parla delle indagini di due fratelli, Ted (affetto dalla sindrome di Asperger) e Kat, adolescente un po’ ribelle, che cercano di ritrovare il loro cugino scomparso, Salim. Il ragazzo, appena arrivato da Manchester con la sua mamma per far visita ai cugini e zii di Londra, durante un giro turistico sale sul London Eye, la ruota panoramica della città, ma non ridiscende più! Che fine ha fatto? Come è possibile che Salim si sia volatilizzato? Viene allertata la polizia e partono le ricerche, ma Ted e Kat non se la sentono di stare solo a guardare e cercano di scoprire cosa è successo. Ted affronterà le indagini con la sensibilità particolare che gli deriva dalla sindrome di cui soffre e riuscirà a trovare la chiave di volta per scoprire il mistero.  Lo amerete di sicuro!

 “Nel paese dei mostri selvaggi” di Maurice Sendak

Chissà se questi mostri faranno paura ai vostri bambini? Il libro presenta varie chiavi di lettura, ma la più appassionante per i bambini potrebbe essere quella di guardare negli occhi le proprie paure per vincerle, proprio come fa Max, il protagonista monello. La curiosità: dal libro è stato tratto il film “Nel paese delle creature selvagge” di Spike Jonze.
 
 

“Nero cuordileone” di Elke Heidenreich

Per i bambini e i grandi che amano i gatti: la storia della vita di Nero, gatto astuto e un po’ prepotente e del suo viaggio dalla campagna toscana alla lontana Germania.

La perla dei sette abissi – Maria Vago un librettino veloce per bambini che narra del ricchissimo e misterioso Warfalù e della sua caccia alla perla dei sette abissi, che splende sul diadema della regina del Madagascar. Ma come ottenere quel gioiello? La regina del Madagascar non se ne vuole assolutamente separare! Ma quando Warfalù incontra la regina, capisce che forse desidera un altro epilogo per la sua avventura … dai 6 anni, ma anche da bimbi più piccoli se avete voglia di leggere per loro!

Le palline a colori – Manlio Rossi-Doria

Ecco un libretto delizioso da leggere con i vostri bambini. Ci parla di vita all’aria aperta, doni semplici, marachelle che si risolvono con l’aiuto della natura e di personaggi buoni … un tuffo nella tenerezza e un esempio di come sfrondare tutto il superfluo …

Non chiamarmi Cina! di Luigi Ballerini

“Eppure non sono ancora una vera italiana. Quando vado in giro, la gente non vede me, vede solo la Cina e gli stereotipi su quel paese: il design copiato, la mafia, i laboratori nascosti dove imitano le borse griffate, l’invasione del mercato, la merce a basso prezzo, i giocattoli tossici, i cinesi che a Milano non muoiono mai, i morti che diventano saponette, il cibo avariato nei frigoriferi dei nostri ristoranti… E allora io mi sento attaccata, mi sento colpita in ciò che ho di più personale e non riesco a dire io non c’entro. Proprio ciò da cui ogni giorno cerco di prendere le distanze ritorna prepotente e mi costringe a prenderne le difese, a riaffermare ogni volta che io sono cinese e non voglio vergognarmene. Allora mi trovo a ricordare che essere cinese non significa per forza essere ambiguo, infido, pericoloso, disonesto.”

Una storia d’amore fra due ragazzi adolescenti, uno “scontro” fra due civiltà …

Pedala, pedala Uwe-Michael Gutzschhahn, Emme edizioni

Julia è gelosa della bicicletta del babbo. Cos’è questa mania di sconfiggere la pancetta? Il babbo non è allenato e non gli è mai interessato molto lo sport … Julia teme il peggio. Ma durante una vacanza in uno sperduto paesino di montagna francese, Julia incontra Pierre e …

(la particolarità: l’autore ringrazia nelle pagine del libro la fondazione culturale Stichting di Amsterdam per le settimane trascorse a Leidsestraat, dove ha cominciato a scrivere questo romanzo … )

Il cane che ebbe tre nomi – Cecco Mariniello – il battello a vapore -Lancillotto, Puzzolo, “Vento tra i rami” … cos’hanno in comune questi tre nomi? Avventure, emozioni, pericoli vissuti da un cane che per varie vicissitudini, si ritroverà ad avere tre padroni diversi!


 

Tutti coloro che hanno meditato sull'arte di governare l'umanità si sono convinti che i destini del mondo dipendono dalla educazione della gioventù.
Aristotele

Nessun commento: