Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

venerdì 27 dicembre 2013

Proposte di scrittura creativa: scriviamo un haiku


Se avete letto il post precedente del 12 Dicembre e volete qualche suggerimento per provare a scrivere degli haiku, ecco qui qualche semplice indicazione:

-      La forma metrica tradizionale, come abbiamo visto, è di diciassette sillabe (5-7-5) ma gli haiku moderni non seguono strettamente questa struttura. A volte possono esserci più o meno sillabe.

-      L’haiku ci parla di un momento, così come si è manifestato ai nostri occhi, non fornisce spiegazioni sul significato. Si limita a formare un’immagine con le parole: come se vedeste un fotogramma di un film.

-      Negli haiku si usano poche parole, semplici. Il significato deve emergere non solo da ciò che scrivete, ma anche dalle possibili omissioni o pause.

-      Nell’haiku tradizionale si fa riferimento spesso alle stagioni e alla natura. Questi riferimenti sono chiamati Kigo: parole che vengono usate per evocare una stagione particolare (es. i fiori di ciliegio per la primavera, la lucciola per l’estate, la raccolta del riso per l’autunno, la neve per l’inverno). L’haiku moderno è più libero e manifesta un’esperienza personale, in qualsiasi campo.

Come sempre, ognuno di noi scrive e trova ispirazione in modi diversi. Potreste volervi isolare alla vostra scrivania per lasciar correre i pensieri, riflettere, e acchiappare un haiku al volo, ma io trovo che gli haiku non si possano che “trovare” all’”esterno”, mentre siamo intenti a vivere la nostra vita quotidiana: durante una passeggiata, all’uscita di scuola, al lavoro, mentre cucinate. Il mondo è pieno di queste piccole grandi immagini. L’unica cosa che occorre è avere occhi attenti e, possibilmente, una penna e un foglietto dove appuntare la vostra “visione”.

I giapponesi, per facilitare chi scrive haiku, hanno pensato di creare dei cataloghi chiamati "saijiki" per raccogliere i riferimenti (kigo) divisi per stagione. Su internet ho trovato il saijiki italiano dell’Associazione italiana haiku; potete consultarlo qui: www.aih-haiku.it/il-saijiki.html e naturalmente fare “un giro” del sito dove c’è anche un interessante “Premio Basho” per il quale potrete prepararvi in attesa dell’edizione del 2014! Non si sa mai!  

 

Tutte le creature!

Guizzano ovunque tra

I fiori sbocciati.

(Issa)

 

Con la stessa innocenza delle nuvole

L’uomo coltiva il campo

Ai piedi delle montagne del sud.

(Shiki)  

 


 

Coloro che vedono il lampo

E non pensano a nulla:

quale valore inestimabile!

(Basho)

 

L’allodola

canta nel campo:

libera da ogni cosa.

(Basho)

Nessun commento: