Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

venerdì 24 gennaio 2014

Il regno fantastico di Guia Risari


Diciamolo, sono una persona che tende a sviscerare gli argomenti … se leggo un libro di un autore e mi incuriosisco, mi prende la voglia di leggere anche altri titoli che ha scritto. Così eccomi qui, con i libri di Guia Risari sparpagliati davanti a me ... pronti a tuffarvi in un regno fantastico? 

Il cavaliere che pestò la coda al drago (editore EDT Giralangolo). Questo è senz’altro il mio preferito. Parla di un cavaliere che decide di dare una bella lezione al drago, che non ha mai visto, ma sul quale si è informato e ha raccolto ogni notizia disponibile. Cercando e viaggiando, si è convinto che il drago è davvero una bestia feroce. Parte alla sua ricerca, intraprendendo un lungo viaggio e dopo aver attraversato la Terra dei Gonzi e la Palude dell’Oblio, arriva nel Regno dei Possibili, dove vive il drago insieme a tante altre creature favolose. E così lo incontra davvero quel drago … di più, perché a causa di una grande fame, conosce il drago. Non per quello che altri gli hanno sempre raccontato. Non per come si aspetta che sia. Non per l’immaginario collettivo. Lo conosce facendo esperienza diretta. Una favola, certo, ma un messaggio più profondo per chi è più grandicello e sa cogliere le sfumature di quanto possano far male i pregiudizi ... un dolce finale, quindi, in tutti i sensi, visto che nell’ultima pagina è spiegato come si fanno le frittelle di drago … Che belle le illustrazioni di Ilaria Urbinati, che vibrano all’unisono col testo! Uno stile magico, che fa sognare …

Il pesce spada e la serratura – (illustrazioni di Altan) – Beisler Editore Utilizzando il binomio fantastico veniamo trasportati in mondi impossibili, bizzarri, ironici … cento ipotesi contro l’impossibile. Che cosa possono spartire un pesce spada e una serratura? Eppure lasciandosi andare e dimenticando le associazioni ovvie, si possono immaginare situazioni buffe e surreali. Per non prendersi troppo sul serio e far volare la fantasia …

L’alfabeto dimezzato – (illustrazioni di Chiara Carrer) – Beisler Editore Pronti a salire sulla giostra delle allitterazioni? Un libro da leggere obbligatoriamente a voce alta, da soli, con i bambini, scandendo le parole e assaporando le sensazioni fonetiche prodotte … Il testo e le illustrazioni vi trasporteranno in un sogno, a patto che non siate troppo seriosi e che non cerchiate sempre storie verosimili. Scordatevi la realtà! Siete in un mondo onirico, almeno per lo spazio che dedicherete alla lettura …

La coda canterina – (illustrazioni di Violeta Lopiz) – Editore: Topipittori  Consiglierei questo libro più agli adulti che ai bambini. O a bambini fortemente educati alla lettura, che sappiano scorgere significati nascosti … Leggendo questo volume sono rimasta catturata dell’efficacia delle illustrazioni di Violeta Lopiz e dalle tecniche che ha utilizzato per suggerire l’interruzione di un quieto vivere, dove tutto scorre normale … come sono incisive nel mostrare il panico e il caotico correre senza avere una soluzione chiara in mente … mi sono balenate davanti agli occhi "immagini" fugaci varie, come veloci fotogrammi: la metamorfosi di Kafka, Dumbo e gli X-men … ma in questo libro non c’è la dolcezza della mamma di Dumbo, che accetta immediatamente il suo elefantino con le smisurate orecchie. C’è sgomento. Panico. Si cerca aiuto da chiunque, anche da chi non ha alcun titolo per darlo. Si consultano tutti, tranne il bambino, che un giorno si è svegliato con una coda. Metafora di una caratteristica, una diversità che la società non sa accettare perché si discosta da ciò che è “normale”. O una fiaba su come sia necessario anche rimanere soli per diventare grandi e trovare il proprio posto nel mondo. I genitori e i compaesani cercano di risolvere il problema tirando via la coda. Sembra la soluzione più facile. Ma tira tira, la coda si allunga e li porta a fare il giro della terra. Solo alla fine del lungo viaggio, quando il gruppo ritorna dal bambino, sembra aver trovato la soluzione al problema: accettare quella coda e farla diventare un punto di forza. Mi ha fatto pensare a quanto siano ridicoli gli adulti quando ricercano la perfezione dei propri figli, senza ascoltare mai cosa hanno da dire i piccoli sulle questioni che li riguardano …  

 

Se siete interessati alla produzione di Guia Risari e amate il teatro, fino al 23 marzo potete portare i vostri bambini a vedere lo spettacolo “La pietra e il bambino”, tratto da una favola di Guia Risari e messo in scena dalla Compagnia Teatro Gioco Vita di Piacenza. Credo che instradare i bambini all’amore per il teatro sia un elemento importantissimo per la loro crescita: li educa ad un rapporto più diretto con quello che vedono. Nel teatro c’è sempre uno scambio di energia fra lo spettatore e l’attore. Questa compagnia ha seguito strade diverse, innovative per il teatro italiano, grazie all’animazione e al teatro d’ombre, affascinante e magico. 

Maggiori info su www.teatrogiocovita.it.
 
 
 
"La realtà non è mai come la si vede; la realtà è soprattutto immaginazione"
                                               R. Magritte
 
 
 
"Quando ero giovane, il concetto di essere un sognatore era molto negativo. Ma Star Trek ha legittimato il sogno e penso che sia stato un grande contributo". Martin Cooper (inventore del cellulare) 

Nessun commento: