Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

mercoledì 20 gennaio 2016

L’estate che conobbi il Che, di Luigi Garlando – Rizzoli


Di Garlando mi aveva già parlato mia nipote, quando a scuola aveva letto “Per questo mi chiamo Giovanni”. Le fecero fare una relazione e me la fece leggere. Benché in quel periodo fosse ancora alle elementari, mi colpì il fatto che il libro le avesse lasciato “addosso” tanto. Uno degli scopi per i quali leggiamo, è senz’altro il divertimento e l’evasione, ma ci sono libri che ci chiedono un impegno in più. Ci chiedono di accendere la curiosità, la voglia di capire, di penetrare il reale, i fatti quotidiani.

“L’estate che conobbi il Che” parla del passaggio dall’infanzia all’età adulta di Cesare, dodicenne di famiglia benestante (“da noi tutto era grande, a cominciare dalla villa di quindici stanze … e dal parco enorme che digradava verso un bosco”). Il momento in cui tutto cambia è proprio il compleanno di Cesare: il nonno ha un malore, dei cinquanta amici invitati si presentano solo in quindici, sua sorella marcia per casa con una misteriosa espressione da guerra … Cesare comincia ad avere la sensazione che tutti sappiano qualcosa che invece a lui viene nascosta. Il ragazzo dovrà fare dei “viaggi”, fisici e mentali, per diventare grande, mentre intorno a lui si muoveranno una donna di servizio colombiana e la sua incantevole e tenace figlia Blanca, l’amico del cuore che, ancora inconsapevole, dovrà trovare nuovi equilibri, un padre “tagliatore di teste”, una madre chirurgo di fama, e un nonno pieno di sorprese … sarà proprio nonno Riccardo che farà conoscere la storia di Che Guevara al nipote e aprirà nella mente di Cesare scenari inconsueti. Perché ciò che dovremo fare con i giovani è proprio presentargli i fatti, i personaggi, le esperienze, in  modo che poi possano formarsi una loro idea, basandosi sui loro ragionamenti. Renderli in grado, come dice Garlando, di “estrarre i principi attivi … Il resto è buccia”.

Non voglio svelarvi niente di più della storia, per non rovinare il piacere della lettura. Vi auguro di trovare, alla fine del libro, il vostro “principio attivo”, e magari la voglia di parlare e confrontarvi con gli amici, i professori, gli adulti. Chissà che non abbiate qualcosa da insegnarci?

Età consigliata: da 10 anni

Nessun commento: