Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

giovedì 2 novembre 2017

Segnalazione: Le Seggiole al Museo, nove viaggi teatrali

“LE SEGGIOLE AL MUSEO” 9 Viaggi Teatrali

Museo di Casa Martelli
Museo Nazionale del Bargello
Museo di Palazzo Davanzati


MUSEO DI CASA MARTELLI
“L’ospite illustre” di R. Ventrella
Via F. Zannetti 8 – Firenze
Spettacoli alle  20,30 – 21,30
Giovedì 09 Novembre 2017
Venerdì 10 Novembre 2017
Sabato 11 Novembre 2017
 
MUSEO NAZIONALE DEL BARGELLO
“All’ombra del potere” di R. Ventrella
Via di Proconsolo 4 – Firenze
Spettacoli alle  20,30 – 21,30
Giovedì 07 Dicembre
Venerdì 08 Dicembre
Sabato 09 Dicembre
 
MUSEO DI PALAZZO DAVANZATI
“Ogni casa è un grande libro” di R. Ventrella
Via di Porta Rossa 13 – Firenze
Spettacoli alle 20,30 – 21,30
Giovedì 18 Gennaio
Venerdì 19 Gennaio
Sabato 20 Gennaio
 
Tutti i Viaggi Teatrali avranno due repliche a sera: 20,30 - 21,30
Info e prenotazioni tutti i giorni dopo le ore 14 al n. 333 22 84 784
 
**********************************
Giovedì 09 Novembre 2017
Venerdì 10 Novembre 2017
Sabato 11 Novembre 2017
Spettacoli alle 20,30 – 21,30

L’OSPITE ILLUSTRE
La Firenze del Grand Tour vista da Casa Martelli
 
MUSEO DI CASA MARTELLI, 
Via Zannetti n. 8, 50122 Firenze
 
Messinscena su un testo di Riccardo Ventrella 
A cura di Sabrina Tinalli
Costumi di Giancarlo Mancini
Realizzati da Pino Crescente
con (in ordine di alfabetico):
Marcello Allegrini, Fabio Baronti, Luca Cartocci, Beatrice Faldi,
Andrea Nucci, Natalia Strozzi, Sabrina Tinalli
 
L’atrio velato dalla pesante tenda dipinta, le stanze “paese” a piano terra, l’elegante scalone e il salone da ballo accoglieranno gli spettatori de L’ospite illustre a Casa Martelli prima di partire per un "viaggio ispirato al viaggio" all’epoca d’oro del Grand Tour, il grande viaggio che i giovani europei intraprendevano in Italia per completare la loro formazione e che aveva in Firenze una tappa irrinunciabile. In quel momento storico la città, assieme a Roma, Venezia e Napoli, era al centro dei desideri di tutto il mondo civilizzato. Ogni scena rappresenta l’attesa di qualcosa o qualcuno, magari un celebre personaggio che sta per visitare la casa. Nella prima è protagonista la Contessa Ranevskaja, nobildonna russa annoiata che da due anni vive a Firenze: siamo nel 1775. Si passa poi al 1831: la buona Adelina, orfana adottata da un imprenditore di lavanderia, alla morte del benefattore si è dovuta arrangiare ad accompagnare signorine straniere, come la giovane inglese Ellen Churchill. Nuovo salto fino al 14 marzo 1847: il valletto Vinicio e Don Valdemaro discutono di un misterioso affaccendarsi intorno alla preparazione di una cena in una domenica di Quaresima. Infine il 31 dicembre 1899: un uomo misterioso attende bevendo e fumando il suo sigaro la fine del secolo. Collega le scene l’Uomo senza Nome, uno “spirito della casa” che attraversa il tempo e lo spazio. Dei personaggi famosi evocati, uno solo visitò realmente Casa Martelli: per gli altri ci si affida a fantasie basate sulla loro reale permanenza a Firenze. Le figure che si muovono nelle stanze sono inventate, ma le loro vicende si basano su fatti storici realmente avvenuti.
 
**********************************
Giovedì 07 Dicembre
Venerdì 08 Dicembre
Sabato 09 Dicembre
Spettacoli alle 20,30 – 21,30

ALL’OMBRA DEL POTERE
da Palazzo del Capitano del Popolo 
a Carcere e poi Museo:
storie, aneddoti e segreti di un simbolo di Firenze
 
MUSEO NAZIONALE DEL BARGELLO
Via del Proconsolo 4 - Firenze
 
Messinscena su un testo di Riccardo Ventrella 
A cura di Sabrina Tinalli
Costumi di Giancarlo Mancini
Realizzati da Pino Crescente
Trucco e Parrucco Filistrucchi—Firenze
con (in ordine di alfabetico):
Marcello Allegrini, Fabio Baronti, Luca Cartocci, Andrea Nucci, 
Il musico è Ugo Galasso
 

Nel magnifico scenario del Museo Nazionale del Bargello la Compagnia delle Seggiole come di consueto, proporrà un Viaggio Teatrale con attori che, in abiti del XV-XVI secolo, faranno rivivere personaggi che in quel luogo hanno avuto a che fare con la giustizia. Ai piedi dello scalone monumentaledel Bargello, l’attenzione dei visitatori sarà richiamata dal suono di un tamburo e di alcuni strumenti a fiato, che all’inizio introdurranno alla conoscenza di Geri da Volognano il quale racconterà la sua vicenda nella Saletta del Trecento; ancora musica e nel Verone ecco farsi incontro Giovan Battista da Montesecco, congiurato dei Pazzi per uccidere Lorenzo il Magnifico e suo fratello Giuliano, che nel Bargello venne decapitato e ora torna a rivelarsi perché ancora in cerca della propria testa. Nel suggestivo Salone di Donatello, tra tanti capolavori, i visitatori ascolteranno le argomentazioni del carcerato Nicolò Machiavelli; infine nel Salone di Michelangelo e del Rinascimento ecco l’incontro con il granduca Pietro Leopoldo di Lorena, ovvero colui che nel XVIII secolo abolì la pena di morte.
 
**********************************
Giovedì 18 Gennaio
Venerdì 19 Gennaio
Sabato 20 Gennaio
Spettacoli alle 20,30 – 21,30
 
OGNI CASA E’ UN GRANDE LIBRO
Storia delle storie di Palazzo Davanzati
 
MUSEO DI PALAZZO DAVANZATI
Via di Porta Rossa 13 - Firenze
 
Messinscena su un testo di Riccardo Ventrella 
A cura di Sabrina Tinalli
Costumi di Giancarlo Mancini
Realizzati da Pino Crescente
con (in ordine di alfabetico):
Marcello Allegrini, Fabio Baronti, Luca Cartocci, Sabrina Tinalli, Silvia Vettori
Il musico è Ugo Galasso

Affacciato in angolo suggestivo tra Piazza della Signoria, i luoghi dove fu Mercato Vecchio e l'Arno, Palazzo Davanzati meglio di ogni altro sa raccontare la storia di Firenze e delle abitazioni che compongono il tessuto urbano. Case come rifugi per gli uomini, ma anche come testimoni dello scorrere del tempo, del susseguirsi dei fatti. Case come palinsesti da cui grattar via l'inesorabile accumularsi degli avvenimenti, il curioso affastellarsi dei piccoli aneddoti quotidiani. La figura di Bernardo Davanzati, uomo di lettere e mercati, uno dei tanti simboli dello splendore dell'umanesimo fiorentino ci guiderà nella visita al palazzo costruito nel Trecento dalla famiglia Davizzi, e divenuto nel tempo simbolo della tipica dimora patrizia di Firenze. Dal tumulto dei Ciompi in avanti, Palazzo Davanzati ha assistito ad ogni evento che abbia avuto luogo in questa città, dai più importanti ai più tragici, dai più divertenti ai più oscuri. Non aspetta che di raccontarlo allo spettatore incamminato tra le sue splendide stanze, curioso e attento nel captare le voci che promanano da mura e arredi, e le improvvise apparizioni dei principali personaggi. Con Bernardo Davanzati e la sua irascibile fantesca, Tommaso Davizzi e la triste storia della Castellana di Virgy narrata anche da Boccaccio si compie un viaggio nel tempo alla ricerca della storia delle storie di Palazzo Davanzati.
 
Fonte: newsletter Compagnia delle Seggiole

Nessun commento: