Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

giovedì 24 maggio 2018

Peter Kuper in Italia

Peter Kuper non ha bisogno di presentazioni: autore statunitense riconosciuto a livello mondiale, ha vinto il Premio Eisner nel 2016 con Rovine come Miglior Graphic Novel.                                     

Il 7 giugno uscirà in Italia il suo nuovo libro, Diario di New York, e per l'occasione Kuper sarà in Italia per un tour di presentazioni in anteprima.
 
Qui tutte le informazioni sugli incontri:
  • 24 maggio, ore 18:00: Caffè Zanardi, Via Magolfa 25 - Milano
  • 25 maggio, ore 17:00-19:00: Stand Tunué all'ARF! Festival - Roma 
  • 26 maggio, ore 11:00-13:00 e 15:00-17:00: Stand Tunué all'ARF! Festival - Roma 
  • 27 maggio: ore 11:00-13:00 e 15:00-17:00: Stand Tunué all'ARF! Festival - Roma
  • 28 maggio, ore 18:00: Tunué, Via Cairoli 13 - Latina
  • 29 maggio, ore 17:30: POPstore, Via Bertola 31/F - Torino
  • 30 maggio, ore 21:30: Festival "I libri per strada", Piazza Luni - Sarzana
  • 31 maggio, ore 17:00: Comics Corner, Via Fiasella 62R - Genova
  • 1 giugno, ore 18:00: Games Academy, Corso Palestro 19/B - Brescia
  • 3 giugno, ore 19:15: Festival "La grande invasione", Cortile del Museo Garda - Ivrea
  • 4 giugno, ore 17:30: Tau Beta, Via Pavoni 5 - Monza
 
 
Diario di New York
New York: ogni finestra è una storia, ogni quartiere, ogni angolo retto si unisce per formare il moderno labirinto di un’eterna Babele. Alla città che ha affascinato tanti artisti anche Peter Kuper ha voluto dedicare un epico poema d’amore, un diario di schizzi, bozzetti, impressioni, piccoli avvenimenti – come la notte del 1981 in cui ha scalato il ponte di Brooklyn con un amico – e cambiamenti epocali come l’11 settembre.
I suoni, le luci, il caos, l’anonimato della grande città diventano segno sulla carta. Matite colorate, penne, acquerelli, collage: materiale eterogeneo per dare vita a trent’anni di storia di una città frenetica, sempre diversa, vista con l’occhio critico, ironico e fortemente politicizzato di Kuper, tra citazioni di Swift e storie di fantapolitica in cui, in un insospettabile 1990, Donald Trump e Harry Helmsley si accordano per costruire un muro che separi la Manhattan ricca dal resto della città. 
 
Fonte:         Tunué Tutta un'altra storia                            

Nessun commento: