Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

lunedì 28 settembre 2015

Le guide per i bambini: Firenze e Milano da sgranocchiare!




"L'incontro immaginario fra Dante e Beatrice sul Ponte Santa Trinita", Henry Holiday
Le vacanze estive sono passate da poco, ma ho già voglia di pensare alla prossima probabile meta. Da tempo ho cominciato a pensare che i regali più belli da fare ai nostri figli siano nuove esperienze. E i viaggi fanno parte di quei regali speciali, perché non solo aprono la mente, ma sono occasioni per passare del tempo insieme, in famiglia, senza le solite corse della normale vita quotidiana. Certo, magari a volte non è così facile viaggiare con i bambini, e sicuramente alcune mete sono più facili di altre, ma forse un bell’aiuto potremmo trovarlo in una guida dedicata in modo specifico a loro. A questo proposito ho due guide delle Edizioni Lapis che trovo fantastiche per i bambini. Sono maneggevoli, colorate e interessanti, perché non si limitano a fornire informazioni, ma li coinvolgono nel viaggio, trasformandoli a volte in “detective”, a volte in esploratori e solleticando la loro curiosità. Ci sono diversi titoli che fanno parte della collana. Io al momento ho “I bambini alla scoperta di …. Milano” di Monica Buraggi (illustrato da Lorenzo Terranera) e “A spasso per Firenze” di Rosaria Punzi (illustrato da Allegra Agliardi).



Sono concepite in modo diverso, per cui inizio a parlarvi di quella di Milano.  Le prime pagine sono dedicate ai suggerimenti per mettere nello zainetto tutto l’occorrente per essere un vero turista e alle modalità per utilizzare al meglio la guida. Poi segue l’introduzione storica, sempre accompagnata da simpatiche illustrazioni che stimolano la voglia di andare avanti nella lettura, e infine partono gli itinerari: all’inizio di ciascuno c’è una piantina generale della zona, dove si svolge il percorso. Ogni itinerario inizia poco distante dalla fine di quello precedente, così se avete a disposizione un’intera giornata e non siete troppo tanchi, potete proseguire … Le spiegazioni si rivolgono direttamente ai ragazzi, facendo delle domande in tema, spronandoli a trovare delle risposte, mostrando itinerari fuori dalle solite rotte, parlando di storia dell’arte e di tecniche pittoriche con semplicità. La guida è poi completata da una sezione “informazioni utili” su IAT, orari e giorni di apertura dei musei, e suggerendo dei “fuori programma”, in altre parole una serie di musei fuori dagli itinerari della guida, ma che vale la pena di visitare. E per non lasciare ai ragazzi nessun dubbio, nelle ultime pagine, ci sono le soluzioni ai giochi proposti durante gli itinerari. Come potreste non divertirvi con un cicerone così interessante e maneggevole? Fra l’altro, fino al 31 ottobre a Milano c’è l’Expo … non sarebbe male far riflettere i bambini sul tema “Nutrire il pianeta”: garantire a tutti il cibo senza impoverire la Terra e, nello stesso tempo, imparare a mangiare bene, seguendo la dieta giusta per mantenerci in buona salute (dove per dieta intendo “regola, stile di vita”). Dovremmo dedicare del tempo a educare i bambini a un consumo consapevole, insegnando a scegliere cosa mangiare, per trasformarli in futuro in acquirenti informati (non sarebbe una buona cosa abituarli a leggere le etichette dei prodotti che intendono consumare? E cominciare a scartare quegli alimenti che contengono coloranti o sostanze dannose per la salute?).
"Bambina che corre sul balcone", Giacomo Balla, Museo del Novecento, Milano


 
 

“A spasso per Firenze” invece è una guida concepita diversamente. Intanto, è rilegata a spirale, molto comoda quando siete a giro. E, più che una guida, in realtà è un libro illustrato, e una raccolta di storie su personaggi, luoghi e monumenti di questa splendida città (lo so, sono di parte, ma è vero che vengono da tutto il mondo a visitare Firenze! J). Con le sue numerose illustrazioni è adatta anche ai bambini più piccoli, e dopo una piccola carrellata sulla storia della città, Firenze viene presentata nei due momenti che hanno lasciato maggiori segni in città: il medioevo e il rinascimento. Seguono quindi dei focus coloratissimi su Piazza del Duomo, Via dei Calzaiuoli e la splendida chiesa di Orsanmichele, piazza della Signoria col suo Palazzo Vecchio, gli Uffizi e il Ponte Vecchio, e i tanti altri luoghi e simboli di Firenze. Una sezione particolare è dedicata ai musei che offrono attività per bambini e famiglie e un’altra riguarda invece le feste e le tradizioni più amate dai fiorentini. Per finire in dolcezza ci sono pure due pagine culinarie, per scoprire le specialità tipiche dei forni e delle pasticcerie. Gli “appunti di viaggio” chiudono la guida e permetteranno ai bambini di annotare impressioni o fare disegni dei luoghi che li hanno colpiti di più.
"La Primavera" di Sandro Botticelli, Museo degli Uffizi, Firenze
 
Quindi, cos’altro dire? Via di corsa a preparare lo zainetto del turista e buon divertimento!

“Palazzo Vecchio assomiglia a una gigantesca torre degli scacchi. Con la sua solida facciata squadrata e gli spalti merlati, l’edificio è situato a guardia dell’angolo sudorientale di piazza della Signoria. L’insolita torre che s’innalza quasi dal centro della facciata è un’immagine inconfondibile diventata il simbolo di Firenze”.

Dan Brown, “Inferno”
 
"Veduta di Firenze", Sandro Borbottoni
 

Nessun commento: