Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

venerdì 10 ottobre 2014

Scrittura creativa: aiuto! Dove trovo il tempo per scrivere?




Se non potete essere un pino sulla vetta del monte,
siate un cespuglio nella valle, ma siate

il miglior piccolo cespuglio sulla sponda del ruscello.

Se non potete essere una via maestra, siate un sentiero.

Se non potete essere il sole, siate una stella;

non con la mole vincete o fallite.

Siate il meglio di qualunque cosa siate.

Cercate ardentemente di scoprire

a che cosa siete chiamati,

e poi mettetevi a farlo appassionatamente.

                                                           Martin Luther King

Mi piace cominciare con queste parole di Martin Luther King, perché riassumono poeticamente il messaggio di questo post. Spesso ci lamentiamo perché non troviamo il tempo per scrivere: le giornate si susseguono a ritmi folli e alla fine della serata ricordiamo a noi stessi, sconsolati, che anche oggi non abbiamo trovato un po’ di tempo tutto per noi …. Dov’è il problema? Il primo è che scrivere, a volte, può essere faticoso, specie quando riprendiamo in mano un progetto che abbiamo lasciato da lungo tempo. Per ritrovare la stimolo, gli americani usano un detto senza molti giri di parole: “butt in chair”, ma se ancora non siete convinti, provate a ricordare a voi stessi quanto vi siete divertiti l’ultima volta che avete scritto. Forse occorre solo organizzarsi con ordine, metodo e disciplina e procedere per gradi. Fate un piano e programmate la settimana iniziando a dedicare alla scrittura un tempo minimo ma costante. Possono andare bene anche dieci minuti al giorno. Poi, sconfiggete i nemici della scrittura. Il generale Sunzi, nel trattato “L’arte della guerra”, ci ammonisce: “ Se non conosci te stesso, né conosci il tuo nemico, sii certo che ogni battaglia sarà per te fonte di pericolo gravissimo”. Chi sono allora i nemici della scrittura?
Jack Heffron, nel volume “Il libro delle idee per la scrittura” (Dino Audino editore), descrive i principali motivi che ci tengono lontani dalla scrivania. Già il fatto che sia un “male comune” dovrebbe confortarci! In sintesi, ecco qui i “tipi base” (in quale vi riconoscete?):

Il procrastinatore (non ha bisogno di presentazioni!);

la vittima (che si lamenta di non essere capita, appoggiata, incoraggiata);

il chiacchierone (chi continua a parlare del tema del progetto con chiunque, cancellando di fatto la “magia” della trama);

la critica (la paura del giudizio degli altri, la mancanza di coraggio e fiducia in se stessi);

il giudice (perché perdiamo tempo in simili sciocchezze invece di riparare il rubinetto che perde? Telefonare alla zia? Lucidare i pavimenti?);

l’autore (ovvero chi pensa che scrivere sia giusto e opportuno solo se si arriva poi alla pubblicazione);

l’ospite capriccioso (chi aspetta sempre l’ispirazione per mettersi a lavorare).

Per ogni tipo, Jack Heffron propone degli esercizi per sconfiggere il nemico, ma il tema comune di ognuno è: basta scuse! Non c’è davvero nessuna ragione per non scrivere dieci minuti al giorno: a penna, al computer o perfino dettando i vostri pensieri su un registratore! Cosa importa poi se a qualcuno non piacerà il vostro lavoro? Pensate di aver diritto di scrivere solo se siete ai livelli dei grandi della letteratura? Quindi nessuno dovrebbe azzardarsi a toccare una chitarra a meno di non chiamarsi Jimi Hendrix o B.B. King? O nessuno dovrebbe cantare se non con la meravigliosa voce di Ella Fitzgerald o Freddie Mercury? O non dovremmo sporcare le tele a meno di non essere al pari di Cézanne o Michelangelo? A questo proposito voglio segnalarvi, se già non lo conoscete, l’archivio dei diari (www.archiviodiari.org). Il fondatore, Saverio Tutino, ebbe la meravigliosa idea di fondare a Pieve Santo Stefano un luogo dove accogliere i diari degli italiani, creando anche un concorso (l’annuale Premio Pieve). Un’importante raccolta di testimonianze, di vite … andate sul sito a curiosare! Fra i diari troverete quello che è diventato un po’ il simbolo o perlomeno uno dei pezzi più toccanti e originali: il lenzuolo di Clelia Marchi. Quest’opera è stata scritta da una contadina di Poggio Rusco, che ha raccontato la storia della sua vita scrivendola su un lenzuolo del corredo. Da cosa è stata spinta se non dalla voglia di ripercorrere gli anni vissuti e ricordare l’amore per il marito? Eppure quel diario così particolare è poi stato pubblicato … ma non è questo il punto! Avrebbe avuto comunque un grande significato per chi l’ha scritto.
Spesso mentre scriviamo ci capita anche di pensare alle reazioni di chi leggerà il nostro testo. E se rimanessero esterrefatti? Spesso non è nemmeno tanto la paura di non essere abbastanza bravi, quanto la possibilità di scioccare il lettore che ci conosce.  Smettiamola di censurarci e di frenare così un atto creativo che necessita solo di libertà. Dovremmo scrivere solo per divertirci e trarne gioia.
Non avete diritto a un po’ di tempo tutto per voi per esprimere quello che sentite?  Scrivere ogni giorno è come scaldare il motore, tenere i meccanismi ben oliati. Gli sportivi si allenano, i musicisti suonano il loro strumento, voi scrivete.
Dovreste far capire bene a chi vi circonda quanto il fatto di scrivere vi gratifichi e vi arricchisca. Non dubitate che la vostra soddisfazione si riverserà su chi vi sta accanto. Meglio prendere un po’ di tempo tutto per voi per scrivere e sentirvi felici e poi dedicarvi agli altri o meglio rinunciare a esprimere voi stessi accumulando rabbia e frustrazione? Una buona idea per voltare pagina e fuggire dalle vecchie cattive abitudini potrebbe essere quella di scrivere una dichiarazione di intenti e chiarire a voi stessi, prima di tutto, perché scrivete.


“Scoprirai di non avere limite alle idee se riuscirai a fare della scrittura un’abitudine regolare” Jack Heffron


“E non soltanto per via delle faccende domestiche. Anche altri interessi avevano spodestato il pensiero della bambina. Già prima dell’assillo vano, estenuante e idiota a proposito del tale di Toronto, c’era stato l’altro mestiere, il mestiere di far poesia al quale, nella sua testa, le pareva di essersi dedicata quasi da sempre. Ecco che cosa all’improvviso giudicava come un tradimento – nei riguardi di Katy, di Peter, della vita. E adesso, a causa dell’immagine che le si era impressa nella testa di Katy da sola, Katy seduta in mezzo al baccano metallico, tra un vagone e l’altro, ecco, adesso anche a quello lei, la madre di Katy, avrebbe dovuto rinunciare. Un peccato mortale. Aver rivolto la propria attenzione altrove. Avere volutamente destinato la sua attenzione a qualcosa che non fosse sua figlia. Un peccato mortale.” – “Uscirne vivi” – dal racconto “Che arrivi in Giappone”, di Alice Munro.
Riconoscete quale è il "nemico" di Greta, la protagonista del racconto di Alice Munro?
 

Nessun commento: