Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

martedì 14 ottobre 2014

Segnalazione: Caro diario ... convegno del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi


Caro diario...
L'irresistibile ascesa del genere autobiografico
nella narrativa per ragazzi

 Convegno del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi.

Promosso da Regione Toscana | Comune di Campi Bisenzio
Organizzato da Biblioteca di Villa Montalvo con la collaborazione di LiBeR.

Giovedì 30 ottobre 2014
Ore 9.30-13.00

Campi Bisenzio - Palazzo Comunale - Sala Consiliare Sandro Pertini - Piazza Dante

Da Cuore al Diario di una schiappa, la strada percorsa nella letteratura per ragazzi dalle storie in forma di diario è assai lunga. Già il romanzo di De Amicis fu bestseller per il suo tempo, così come lo furono poi Il giornalino di Giamburrasca di Vamba e Papà Gambalunga della Webster, per non dimenticare la saga di Bibi, eroina nordica uscita dalla penna della Michaelis e del Diario per antonomasia lasciatoci in dono da Anne Frank. Tutte pietre miliari di un genere letterario che oggi, nell'epoca delle comunicazioni di massa e del dominio dei social network, ha rinverdito le sue  fortune mutando spesso nelle forme e nel senso. Il diario, nato come esercizio di esplorazione di sé e di ricerca identitaria, è oggi uno strumento narrativo che apre – nei media digitali come nei più tradizionali mondi finzionali della letteratura infantile – a un'ampia platea di relazioni sociali e formative, a un'importante area di condivisione di affetti e sentimenti. Motivi questi, tra gli altri, che sostengono l'adesione entusiastica di ragazzi e adolescenti al genere. In questo incontro ci si chiederà dunque, cos'è veramente un diario, quali sono le caratteristiche che lo rendono tale, e soprattutto in ambito romanzesco quali sono le differenze che ormai caratterizzano la folta produzione di genere che sta invadendo gli scaffali delle librerie e delle biblioteche per ragazzi.

Programma

Ore 8,30 - 9,30
Registrazione dei partecipanti

Ore 9,30
Saluti istituzionali
Monica Roso
, Vicesindaco e assessore alle Politiche culturali del Comune di Campi Bisenzio
Direzione di LiBeR: coordinamento dei lavori:

 

ore 10,00

Autobiografichevolmente: introspezione e costruzione identitaria nella scrittura di sé

Duccio Demetrio, fondatore e direttore della Libera università dell'Autobiografia di Anghiari

L'istinto autobiografico obbedisce a un bisogno di fare un po' di ordine nei ricordi, nelle storie, nelle memorie che abitano la vita di ciascuno di noi. Ma, scegliendo il genere autobiografico nella prospettiva di ripercorre la nostra storia con l'intento di scrivere un testo che ci assomigli in modo verisimile non possiamo che affidarci a un codice di carattere cronologico, narrativo in senso stretto, biografico dotato di regole e attenzioni. Un' autobiografia nasce personale e si trasforma in un'esperienza corale. È un genere, per tali ragioni, che attrae o respinge, anzi sovente fa paura: poiché ci chiede un serio impegno autoanalitico e introspettivo, risvegliando fantasmi del passato sgraditi: connessi a errori, a sensi di colpa, a ferite dell'animo e del corpo.


ore 10,45
Specchi di carta: panoramica ed evoluzione del genere letterario più amato dai ragazzi

Fausto Boccati, libraio (Libreria dei ragazzi di Milano)

Nell'esperienza del lettore il fascino del termine "diario" nasce dalla duplice natura dei territori che costeggia: da un lato esercizio estremamente privato di esplorazione di sé e, dall'altro, particolare forma di letteratura autobiografica. Nel continuo rimando fra questi versanti, nel diario reale da una parte e in quello letterario dall'altra si con-fondono, con le più variabili gradazioni, intenzioni e aspettative diverse: verità e falsità, uso funzionale ed estetico della lingua, individualismo e racconto di un destino collettivo, rivelazione e silenzio. Scrittori ed editori mettono oggi a disposizione dei ragazzi una vasta offerta di romanzi nella forma di diario e serve riflettere su come le proposte editoriali correnti incrociano bisogni e aspettative dei giovani lettori.

ore 11,30
Pausa

ore 11,45

Scrivere per resistere: diari… voci di libertà e di resistenza       
Gabriela Zucchini, esperta di promozione della lettura     
Scrivere per resistere: è questa l'urgenza che induce tanti preadolescenti e adolescenti in tempo di guerra – da Anne Frank a Dawid Rubinowicz, da Ana Novac a Thura al-Windawi – a impugnare la penna per confrontarsi con un mondo capovolto. Recuperando così, attraverso la scrittura, la possibilità di misurarsi con quella dimensione umana che il mondo sembra negare, con il male che irrompe su di loro e dentro di loro, con la speranza irrinunciabile nel futuro, la forza delle loro passioni, i conflitti tipici dell'età, il segreto della crescita. I diari diventano allora amici insostituibili, ai quali si affida quotidianamente il racconto del proprio vissuto storico e personale, consentendo ai giovani autori di ribadire, attraverso le parole, la propria esistenza, di continuare ad esistere, cioè di r-esistere, consegnando alla pagina scritta la missione di salvare la loro storia e la loro esperienza.

 

Comunicazioni e dibattito

ore 12,30

Facebook:  voci di libertà e di resistenza
Maurizio Novigno, formatore e scrittore

 

Informazioni

 L'incontro è rivolto a bibliotecari, insegnanti ed educatori e a chi opera nel campo dei libri per bambini e ragazzi.

Sede
Palazzo Comunale - Sala Consiliare | Piazza Dante 50013 Campi Bisenzio

Iscrizioni
Per la partecipazione al convegno, a ingresso libero, è necessaria l'iscrizione.


Segreteria: Idest, via Ombrone 1, 50013 Campi Bisenzio, tel. 055 8944307-055 8966577, convegni@idest.net


Nessun commento: