Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

giovedì 15 settembre 2016

Due parole sui libri di questa estate ...


Quest’estate abbiamo letto molto, spaziando fra vari generi e curiosando fra i titoli che ci hanno intrigato. Due parole sui libri che ci sono passati fra le mani, giusto per fermare il ricordo e buttar lì qualche idea se volete consigli di lettura:

Michele Mari, “Verderame” – Einaudi: Estate 1969. L’improbabile amicizia fra Michelino, tredicenne colto e curioso e Felice, il giardiniere tuttofare della casa dei nonni, semianalfabeta, che si esprime solo in dialetto Se riuscirete a non farvi scoraggiare dall’uso del dialetto (all’inizio capivo ben poco) e a tener duro, dopo un po’ i dialoghi vi saranno chiari. Un grande libro, intrigante, a metà fra il romanzo di formazione e il giallo storico.

“Bella e Gustavo”, di Zita Dazzi, Il Castoro: l’estate di due quattordicenni, Nino e Petra, si intreccia e si arricchisce grazie all’incontro fortuito con un clochard e il suo cucciolo. Primi amori, prime scelte, prime prove per diventare grandi. Per insegnare ai nostri ragazzi a guardare in profondità.

“La mia vita con Yoda” e “Darth Vader contro Yoda”, di Tom Angleberger – Il Castoro: da proporre ai vostri ragazzi, che inorridiscono davanti ai libri. Niente da fare, dovranno arrendersi di fronte al potere di Tom Angleberger: probabilmente li finiranno in un soffio ! Il personaggio di Dwight, a mio parere, è uno dei più riusciti e positivi. Ottimi!

“La porta della libertà”, di Daniela Morelli – Mondadori: la vita di Giordano, 14 anni, fotografata  nell’estate del 1943, viene rivoluzionata dall’incontro con Rachele, ricca ebrea  fuggita con la famiglia alla ricerca della salvezza. Uno spaccato storico per comprendere ciò che successe in Italia in quel periodo e per riflettere sul valore e il ruolo della famiglia.

“Super 8”, Anna Castagnoli, Topipittori: l’infanzia di Anna, bambina negli anni settanta. Se siete nati nello stesso periodo, leggerlo vi riporterà alla mente i “sapori” di quegli anni.

“I racconti delle fate. Fiabe francesi” – autori vari e “L’Uccel Belvedere e altre fiabe italiane” di Calvino: perché non c’è niente di meglio di una bella fiaba e di qualche coccola prima di andare a letto. Scommettiamo che troverete fra le altre anche qualcuna che vi raccontavano le vostre mamme o le vostre nonne? Dolci ricordi che scaldano il cuore …

“Fondare biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire. Marguerite Yourcenar (“Memorie di Adriano”)

Nessun commento: