Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

giovedì 29 settembre 2016

Un libro per pensare: "Il viaggio di Lea", di Guia Risari


Leggere “Il viaggio di Lea” mi ha riportato alla mente la Bibi di Karin Michaëlis e più in generale altri personaggi femminili che ho amato per la loro indipendenza, forza e dolcezza: Jo di Piccole donne, Anna dai capelli rossi e la più recente Calpurnia di Jacqueline Kelly. Bambine sveglie, autonome, che sanno guardarsi dentro. E’ così anche Lea, che cogliamo nel bel mezzo dei suoi dodici anni, già tutta compresa nel grande dolore di aver perso i suoi genitori in un incidente. Questo la spinge a intraprendere un viaggio, in compagnia del suo gatto Porfirio, alla ricerca della risposta alla Grande Domanda: che senso ha la nostra vita? Perché dobbiamo morire? Io l’ho seguita, questa Lea, non senza una certa apprensione da mamma … tutta sola in balia di chiunque, senza difese … Si trova ad avere a che fare con le persone più disparate: frequentatori di una bisca, una chiromante, un vagabondo, una coppia di pescatori e molti altri personaggi. Un ventaglio di umanità si apre davanti a lei, e ognuno le lascia un’intuizione, una via, un modo di intendere la vita. Non voglio svelarvi ulteriori personaggi o farvi intravedere la fine del viaggio di Lea. E’ bello lasciare un po’ di mistero, senza che gli adulti vi confezionino la risposta e l’interpretazione del libro. Sono sicura che voi ragazzi riuscirete da soli a tirar fuori dal libro il suo significato, o il significato giusto per voi. I bambini possiedono quella “semplicità”, che a dirla con le parole giuste, è piuttosto una visione chiara delle cose. Per questo sono certa che questo libro vi darà spunti per avventurarvi in una vostra personale indagine filosofica … e allora: buona lettura e buon avvio di pensieri, parole … a casa, con gli amici, a scuola, dovunque andiate, dovunque vi porterà il fiume

“- A volte, - replicò, - bisogna fare le domande giuste. E accontentarsi di quel che si può sapere.

-Perché? – chiese esasperata Lea.

-Non lo so, - ammise il gatto. – E’ così e basta”.

“Il viaggio di Lea”, Guia Risari – Einaudi Ragazzi

La bella copertina dal sapore gotico di Iacopo Bruno: geniale!
Se volete saperne di più su Iacopo Bruno, eccellenza italiana, illustratore editoriale http://iacopobruno.blogspot.it/
 
“La filosofia non è un'arte che cerca il favore popolare e non è fatta per essere ostentata; non consiste nelle parole, ma nei fatti. Di essa non ci si vale per far trascorrere piacevolmente le giornate, per eliminare il disgusto che viene dall'ozio: educa e forma l'animo, regola la vita, governa le azioni, mostra ciò che si deve o non si deve fare, siede al timone e dirige la rotta attraverso i pericoli di un mare agitato”  (Seneca)

“L’uomo esiste. E’ ovvio. Eppure, qualche volta si ferma, si guarda stupito e si chiede perché c’è. La sua esistenza ha davvero un senso? E’ Dio, oppure la natura, che lo fa esistere? La Terra non sarebbe forse migliore senza di lui? L’uomo è intelligente. Ma quando vede ciò che combina, è combattuto tra l’ammirazione e il timore. Ha qualche buona ragione per esistere, tipo una missione da compiere, oppure la sua esistenza è un caso che bisogna accettare così com’è? La vita non è sempre facile. …. Ma non voler subire l’infelicità, è già un primo passo per liberarsene”. Oscar Brenifier, “Che cos’è la vita?” Giunti Junior

Nessun commento: